bio

Andrea Rellini si avvicina alla musica affascinato  dalla Chitarra, elettrica, che studia per vari anni da autodidatta frequentando il rock dei grandi gruppi attivi nei primi anni ’90 e risalendo a ritroso fino ai classici  degli anni ’60 e ’70.
Più tardi si interessa al Violoncello che diventerà da lì in avanti il suo strumento principale, senza tuttavia mai abbandonare  la Chitarra.
Si diploma in Violoncello, al Conservatorio di musica di Perugia, sua città natale, studiando con Vito Vallini, Nadia Rossetti e Francesco Pepicelli per la musica da camera. Frequenta anche, per qualche anno, la classe di composizione di Fabio Cifariello Ciardi.
Nel frattempo suona, scrive musica e si interessa al violoncello jazz.
In questo ambito ha suonato nei dischi del trombettista Mariano di Nunzio (“Sonata a 3+2”) e della cantante Greta Panettieri (“Under control”).
Ha pubblicato invece a suo nome “Il privilegio del mattino”, in quintetto, basato su composizioni proprie, di V. Buongiorno e S. Marra, con cui collabora stabilmente, positivamente recensito dalla critica specializzata ed ospitato nelle trasmissioni di Radio animajazz e di Rai Radio3 (“Battiti”).
Nel campo della musica d’autore ha avuto modo di suonare dal vivo  con i Fratelli Mancuso nell’opera “Requiem” (C. Pedini- F. Mancuso) e con la cantante Carmen Consoli.
Ha sovente scritto musica per il teatro e per la danza contemporanea. Sue compisizioni sono state utilizzate dalla compagnia OPLAS teatro, Dance Gallery di Perugia, Collettivo MAVart,  dalla performer Aedín Walsh per la compagnia “The Artful Badger” (Vault Festival 2015 London) ed attualmente dalla compagnia MOTUS di Siena.
Ha pubblicato inoltre “Motus” (tweedle music 2014) , il suo ultimo lavoro, dove ha raccolto la musica scritta negli anni per il teatro e per la danza contemporanea, interamente suonata al violoncello, portato dal vivo al festival “Music for sunset 2014” presso l’Isola maggiore del lago Trasimeno, a Cortona, per la stagione conertistica degli “Amici della musica” e passato anch’esso nella trasmissione radiofonica “Battiti” di Rai Radio3. Un brano del disco, suonato del vivo, è stato inoltre utilizzato per la trasmissione di Rai 5 “Paesaggi itineranti” dedicata all’Umbria.
Distribuito da Believe Digital, a Giugno 2016 è risultato fra i 200 dischi di musica classica più venduti su iTunes negli Stati Uniti d’America ed un brano in particolare è entrato nella stessa classifica a Singapore.

Di recente è stato in tournée in Bosnia Erzegovina con la compagnia senese di danza MOTUS presentando lo spettacolo DIS-CRIMINE, per cui ha realizzato le musiche originali, avendo modo di suonare a Sarajevo all’interno della Vijećnica ricostruita. La compagnia è stata invitata dall’ambasciata italiana e questo spettacolo in particolare è stato fortemente voluto per ricordare il grande gesto di protesta compiuto dal violoncellista Vedran Smailović durante l’assedio di Sarajevo quando, incurante dei bombardamenti in atto, suonò il violoncello per i propri concittadini e per la propria città per ventidue giorni.